Guide

Cabina telefonica Londra: storia e curiosità

La cara, vecchia cabina telefonica di Londra, la capitale del Regno Unito, è uno dei soggetti più amati (e fotografati) non solo dagli abitanti del luogo ma soprattutto dai numerosi turisti che ogni anno decidono di fare un viaggio in questa magica città.

Tuttavia, nell’epoca degli smartphone, il numero di cabine telefoniche londinesi si è drasticamente ridotto, soprattutto a causa di un evidente scarso utilizzo.

È altrettanto vero che, sparse per la città inglese, sono comunque rimaste alcune cabine rosse per regalare ai visitatori quell’atmosfera “old english” tanto amata in ogni parte del mondo.

La storia della cabina telefonica di Londra

L’iconica cabina telefonica di Londra, di colore rosso, è stata progettata da Sir Giles Gilbert Scott.

La sua particolare colorazione rosso acceso si può riscontrare anche in molti altri elementi tipici della città inglese, come le cassette per la posta e gli autobus a due piani.

Nel 1924 l’ufficio postale sponsorizzò un concorso per ridisegnare le cabine telefoniche e Scott vinse la competizione con il K1.

Questa sigla identifica il primissimo modello di cabina telefonica che, nel corso del tempo, ha subito alcune sostanziali variazioni.

L’ultimo modello di cabina telefonica di Londra prende il nome di K6.

La famosa cabina telefonica di Londra arrivò per le strade della città due anni dopo il concorso precedentemente nominato, ovvero nel 1926.

Di tutto il territorio inglese, Londra fu la prima città ad avere queste nuove cabine telefoniche mentre solo pochissimi esemplari furono selezionati per essere collocati in altre città del Regno Unito.

Il modello K2 aveva lo stemma reale di re Giorgio V su tutti e quattro i lati.

Questo particolare modello oggi è molto raro e risulta più alto e più grande dell’attuale K6 (è curioso sapere che sono stati prodotti solo 1500 K2 e ora ne possiamo trovare solo alcuni esemplari sparsi per la città).

Il motivo per cui questo specifico modello di cabina telefonica non è stato ampiamente utilizzato è dovuto alle dimensioni e al peso eccessivi.

Il K2 era, senza dubbio, costoso e grande.

Mentre ci sono stati alcuni esempi isolati di esso in tutto il paese, la maggior parte sono stati installati a Londra.

È stata cercata un’alternativa più economica e ci si è rivolti nuovamente a Giles Gilbert Scott come designer, anche se questa volta si è insistito sull’uso di calcestruzzo economico.

Gran parte dell’aspetto del K2 è stato mantenuto nel K3, un modello più snello della cabina telefonica.

I K3 però erano dipinti di bianco e avevano porte rosse.

Solo quattro di questi modelli sopravvivono oggi, compreso quello di Avoncroft.

Il K4 era un chiosco insolito che interpretava due ruoli.

Essenzialmente un K2 esteso nel design e nella costruzione fu introdotto nel 1927 con una sezione posteriore, dietro il telefono, con un distributore di francobolli e una cassetta postale.

Quindi il K4 era essenzialmente un mini ufficio postale e si pensava che avrebbe impedito la necessità di aprire più uffici postali.

Era tuttavia sia enorme che difficile da individuare, non poteva essere posizionato contro un muro e occupava gran parte del marciapiede.

Scott progettò la K6 Jubilee Booth nel 1935, che risultava più leggera del 25% rispetto alla K2.

Solo cinque anni dopo, nel Regno Unito, furono diffuse ben 20000 cabine telefoniche di questo modello.

Come mai la cabina telefonica rossa è quasi sparita?

Negli anni ’80, le care vecchie cabine telefoniche inglesi hanno iniziato a risentire dell’usura del tempo e dell’introduzione delle nuove tecnologie di comunicazione.

Inoltre, in quegli anni, Londra era spesso lo scenario di atti di vandalismo perpetrati da violenti che, tra le altre cose, si “divertivano” a spaccare le cabine telefoniche.

La riparazione di questi dispositivi era decisamente costosa, per cui nel 1985 la BT (la principale compagnia telefonica inglese che proprio in quell’anno fu privatizzata) decise di rimuovere le cabine dalle strade e rivenderle.

I modelli tutt’ora rimasti in giro per la città sono davvero pochi e non hanno certo il fascino delle cabine telefoniche di Sir Scott; è comunque possibile rintracciare qualche esemplare degli anni ‘40 in alcuni zone della metropoli.

Tyrwhitt Road, a Lewisham, ospita una cabina telefonica londinese che è stata trasformata in una biblioteca in miniatura.

La gente del posto può prendere qualunque libro voglia e lasciarne altri per coloro che li vorranno consultare.

A Brighton, vicino al molo, Abo Fall vende cappelli, occhiali da sole e costumi da bagno in due cabine telefoniche vecchio stile.

Per coloro che, da sempre, sono affascinati da questo oggetto di culto della cultura britannica, la cabina del telefono inglese, è possibile acquistare delle riproduzioni di cabina telefonica… a grandezza naturale!

La società Phoney Box crea repliche incredibilmente belle di questo oggetto iconico che è possibile installare nel giardino o, addirittura, tra le mura domestiche.

Nel 2008, la società telefonica BT ha introdotto il progetto “Adotta una cabina telefonica”: al prezzo di 1 Sterlina, le autorità locali e le organizzazioni benefiche possono acquistare una cabina telefonica e salvaguardare così questo patrimonio nazionale.

È interessante notare come alcune di queste cabine telefoniche “adottate” sono state riconvertite in centraline di soccorso con defibrillatore, da utilizzare prontamente in caso di arresto cardiaco.

I posti migliori per scattarsi un selfie con le cabine telefoniche

Come abbiamo accennato in precedenza, sebbene siano rimasti davvero pochi i modelli più antichi di cabine telefoniche a Londra, è possibile scovare gli ultimi esemplari in alcune zone piuttosto frequentate della città, come quelli che ti proponiamo nella seguente panoramica.

Smithfield Meat Market: questo mercato ospita due modelli di cabina telefonica di Londra, il K2 e il K6, sotto una capriata vittoriana.

Board Street: in questo folkloristico punto della città si trovano ben 5 cabine telefoniche nel vecchio modello k2.

Parliament Square, Westminster: si tratta con tutta probabilità delle cabine telefoniche più fotografate dai turisti che ogni anno accorrono nella vivace e multiculturale capitale inglese. Il panorama, in questo caso, aiuta molto: è possibile infatti fotografare queste due cabine inglesi modello K6 con il Big Ben sullo sfondo.

Clerkenwell Road, di fronte al pub The Crown Tavern: in questo caratteristico punto della città è possibile ammirare due cabine telefoniche in perfetto stato. Si tratta di una zona piuttosto tranquilla, con poco passaggio di mezzi e veicoli di vario genere, perciò un selfie con queste due cabine è decisamente agevole.

Byng Place: in questo caso possiamo ammirare due diversi modelli di cabina telefonica, una K2 e una K6, posizionate direttamente di fronte alla chiesa neogotica localizzata su un lato della piazza.

Bond Street: questa rinomata strada dello shopping non poteva non avere una cabina telefonica inglese in puro stile british. È interessante notare come questo dispositivo sia senza dubbio il più pulito e ben tenuto di tutta la città.

Stai per fare un viaggio a Londra? Gli hotel della capitale inglese hanno delle offerte che ti potrebbero sicuramente interessare, per tutte le esigenze e per tutte le tasche. Scopri tutte le offerte disponibili e quelle più convenienti su Booking.com.

LEGGI TUTTE LE NOSTRE GUIDE SU LONDRA: CLICCA QUI

Related Articles

Back to top button
Close